La donazione vista da uno studente

18 anni, 6870 giorni, 27480 giorni vissuti.  Ma cosa conosco realmente sulla donazione?

So che è possibile donare il sangue e, se dato il consenso, gli organi. So che in Italia come nel mondo questa pratica non ha una grande diffusione, eppure la richiesta di queste cose aumenta di giorno in giorno. So pure che ognuno di noi può unirsi a questa causa, ciascuno con il suo contributo allo stesso tempo molto piccolo ma tanto efficace.

Dall’alto della mia ignoranza non posso scrivere nient’altro sulla donazione, ma posso esprimere il mio punto di vista su ciò che so e su ciò che mi è stato insegnato fino ad ora.  Come tante cose in questo mondo, che a noi appaiono lontane e improbabili, mi è stato insegnato che l’argomento della donazione è qualcosa di più vicino di quanto si possa pensare. I pochi incontri di sensibilizzazione fatti fino ad ora a scuola non mi hanno insegnato nei dettagli come funziona la donazione, ma mi ha fatto capire l’importanza TANGIBILE del gesto. Ho capito che molto probabilmente la maggior parte di noi (escludendo il sangue) non avrà mai l’opportunità di donare ma che basta una singola donazione per salvare una singola vita. Non è forse la vita in fondo il miglior dono che si possa fare?

Sono dell’idea che nonostante abbia capito l’importanza dell’atto ancora troppe persone non abbiamo compreso a fondo quanto bene si possa fare con un semplice consenso, libero da ogni pregiudizio, che sarà di fondamentale importanza per la vita di un altro individuo a noi tanto sconosciuto quanto bisognoso. E’ necessario non solo continuare la campagna di sensibilizzazione messa in atto nelle nostre scuole, ma cercare di estenderla il più possibile, andando a toccare persone di ogni età e di ogni estrazione sociale.

 

Matteo Bucci V B

Leave a Reply


sei × 9 =

Call To Action! Sei maggiorenne? Diventa DONATORE Diventa DONATORE!