Donazione: un piccolo gesto, una grande opportunità

Ogni giorno muoiono tante persone per mancanza di riserve di sangue o perché l’organo necessario al trapianto che potrebbe salvare vite non è disponibile. Eppure sempre ogni giorno ci sono tante persone che, purtroppo, muoiono in incidenti stradali o di altra morte tale da permettere il prelievo di organi che non sono stati danneggiati. Però a questo punto i medici non possono prelevare arbitrariamente organi da una persona clinicamente morta ma devono chiedere il consenso dei parenti stretti, un consenso che spesso non arriva per motivi religiosi, per superstizione o quant’altro. Ora o annulliamo il potere di decisione dei parenti nei confronti del deceduto, sostituendolo con un testamento biologico obbligatorio da affrontare alla maggiore età e rinnovabile quando uno voglia, o se vogliamo lasciare la legislazione attuale (non ne vedo il motivo ma tant’è) dobbiamo impegnarci tutti per una diffusione della cultura della donazione, non solo per gli organi ma anche e soprattutto per il sangue, delle quali riserve sono davvero carenti negli ospedali. Dobbiamo far capire agli scettici che un nostro piccolo gesto può avere grandi conseguenze per la vita di altri, e allo stesso modo un piccolo gesto degli altri può avere grandi conseguenze per noi. Avere cittadini consapevoli di ciò denota un grado di civiltà più elevato e una grandissima opportunità perché cittadini che hanno una forte coscienza sul tema avranno anche molto a cuore valori come la solidarietà, la cooperazione e simili, valori di cui noi tutti avremmo bisogno per vivere meglio, per vivere più in armonia con gli altri e con noi stessi e dare un forte contributo al miglioramento di questa nostra società.

Luca Teodori

Leave a Reply


+ 4 = dodici

Call To Action! Sei maggiorenne? Diventa DONATORE Diventa DONATORE!